PRAET AL TORINO

maglie calcio Torino poco prezzo è lieto di annunciare di aver acquisito dal Leicester City Football Club, a titolo temporaneo con opzione per il trasferimento definitivo, il diritto alle prestazioni sportive del calciatore Dennis Praet.

Praet è nato a Lovanio, in Belgio, il 14 maggio 1994. Cresciuto calcisticamente nelle giovanili del Genk, nel 2010 si è trasferito all’Anderlecht, formazione con la quale l’anno successivo ha debuttato in prima squadra nella Jupiler Pro League, il massimo campionato belga. Dopo cinque stagioni, nelle quali ha collezionato 182 presenze e 27 reti tra campionato e coppe, laureandosi per tre volte campione del Belgio, è stato acquistato dalla Sampdoria. Con i blucerchiati – con cui ha giocato dal 2016 al 2019 – ha debuttato in Serie A il 28 agosto 2016 in occasione della sfida vinta 2-1 contro l’Atalanta. Dopo 106 presenze e 4 gol, nel 2019 si è trasferito in Inghilterra, al Leicester City, formazione che nel 2021 ha vinto Coppa d’Inghilterra e Community Shield e con cui ha disputato le ultime due stagioni di Premier League.

Per Praet anche 13 presenze e 1 gol con la maglia della Nazionale belga.

Tutto il Torino Football Club accoglie Praet con un caloroso benvenuto.

Publicado en Sin clasificar | Etiquetado , | Deja un comentario

BOSKO SUTALO NUOVO INNESTO NELLA DIFESA DELL’HELLAS VERONA

Hellas Verona FC comunica di aver acquisito da Atalanta Bergamasca Calcio – a titolo temporaneo, sino al 30 giugno 2022 – il diritto alle prestazioni sportive del calciatore Boško Šutalo, che ha scelto il 31 come numero di maglia.

Nato a Metković, in Croazia, l’1 gennaio 2000, Šutalo è un difensore centrale ben strutturato fisicamente e duttile, essendo capace di ricoprire più ruoli in difesa.

Nella sua città natale – e più precisamente nel Neretva Metković, dove rimane per cinque anni – muove i primi passi col pallone. Successivamente si trasferisce dapprima al RNK Spalato e poi all’Osijek, in forza al quale disputa un buon campionato nella Seconda Squadra, venendo ben presto promosso in Prima, con la quale – dopo il debutto il 19 settembre 2018 in Coppa di Croazia nel vittorioso match (3-0) contro lo Zagorec – colleziona complessivamente 28 presenze nella Prva Liga, la massima divisione croata. Nella prima parte della stagione 2019/2020 viene impiegato da titolare anche in due partite dei preliminari di Europa League.

A fine gennaio 2020 si trasferisce a titolo definitivo all’Atalanta, con la quale debutta in Serie A il 2 luglio 2020 in Atalanta – Napoli 2-0. Con gli orobici ha disputato in totale 14 partite nella massima serie, più due in Coppa Italia, competizione nella quale ha trovato la via della rete il 14 gennaio 2021, andando a segno in Atalanta – Cagliari 3-1, ottavi di finale della rassegna continentale.

Šutalo ha giocato in tutte le Nazionali giovanili della Croazia sino all’Under 21, con la quale ha totalizzato 11 presenze e 1 gol, prendendo parte alla fase ad eliminazione diretta degli Europei di categoria, conclusisi per la Croazia – a fine maggio scorso – con l’eliminazione ai quarti di finale contro la Spagna a Maribor.

Hellas Verona FC rivolge un caloroso benvenuto a Boško Šutalo, augurandogli una stagione ricca di soddisfazioni – personali e di squadra – in maglia gialloblù.

Publicado en Sin clasificar | Etiquetado | Deja un comentario

MOURINHO: «NON FARÒ TANTO TURNOVER, ABBIAMO BISOGNO DI GIOCARE»

José Mourinho ha parlato in conferenza stampa alla vigilia di Roma-Trabzonspor, ritorno del playoff di Conference League.

Ecco le parole del tecnico giallorosso.

L’abolizione dei gol in trasferta cambia l’impostazione delle partite, soprattutto di quella di ritorno?

“Un po’ sì. Credo ci saranno più supplementari di prima. Impostazione cambia, ma comunque il nostro obiettivo è sempre giocare per vincere. Noi sappiamo che un pareggio ci serve, ma penseremo al pareggio al minuto 80 o 85, in cui non correre nessun tipo di rischio, ma la mentalità deve essere quella di giocare una partita secca. Per questo non cambierà tanto”.

Le sue sensazioni dopo il primo impatto con l’Olimpico? E questa squadra ha ancora margini di miglioramento?

“Certo, tanti. Ho fatto i complimenti a Italiano perché noi due alleniamo i nostri giocatori da meno di due mesi. E quando la sua squadra arriva a quella partita giocando nel modo che ha giocato, gli ho fatto ovviamente i complimenti. Siamo noi due casi, ma anche tanti altri allenatori sono nuovi. Magari per Inzaghi dell’Inter è diverso, la squadra gioca a occhi chiusi, però per noi è più difficile. Noi dobbiamo migliorare tanto. Oggi abbiamo allenato una situazione di gioco che non mi è piaciuta contro la Fiorentina. Dove i ragazzi hanno la dinamica di fare in quel modo lì perché era così che lo facevano prima. E questa ovviamente non è una critica a Paulo, tutto il contrario. Quello che arriverà dopo me, sentirà lo stesso».

«Noi abbiamo le nostre idee. E io, Italiano, altri allenatori, siamo nella situazione in cui i giocatori stanno cercando gli automatismi. Prima è capire cosa vogliamo noi, poi dopo è allenare la dinamica. E poi verrà in modo automatico. C’è tanto da migliorare. Per questo io ero contento di quanto avevamo fatto perché sapevo che era difficile fare meglio. Se dal punto di vista difensivo è più facile migliorare la dinamica, dal punto di vista del gioco offensivo è più difficile. E ci vuole tempo».

«L’impatto con i tifosi? Bene, bene, benissimo. Siamo noi squadra che dobbiamo creare questa empatia. Dipende dal nostro modo di giocare. E se qualche volta tu non puoi giocare bene, i tifosi accetteranno una perfomance negativa. Saranno con la squadra dopo un risultato negativo. Ci sono cose che non sono negoziabili, che devono stare lì. I tifosi capiscono molto bene l’atteggiamento, il modo di essere professionista. E questa empatia dobbiamo crearla noi».

«Il rapporto sarà una conseguenza di un modo di come noi saremo in campo, di come noi ci dedicheremo al club. È nostra responsabilità. Non dobbiamo chiedere nulla ai tifosi, loro daranno quello che è giusto dare. Nostra responsabilità sarà di fare tutto per creare questa empatia”.

Il ruolo di Pellegrini è solo da trequartista centrale o può agire anche a centrocampo tra i mediani?

“Può fare tutto. Se noi avessimo tre Pellegrini, giocherebbero tutti e tre insieme nella squadra. Non ne lasceremmo mai uno fuori in panchina. È un giocatore molto funzionale, può adattarsi a più ruoli. L’altro giorno ha giocato anche decentrato sulla destra. Ovviamente dentro. Ha creato quella bellissima sensazione in cui Tammy ha preso la traversa. Lorenzo è intelligente, capisce il gioco, capisce cosa vuole il suo allenatore. Se ce ne fossero tre, giocherebbero tre”.

Finora ha utilizzato 12 giocatori nelle prime due partite. Farà turnover nella terza gara?

“Siamo in un momento in cui abbiamo bisogno di giocare. Abbiamo fatto un bel precampionato, ho dato minuti a tutti, le prime 3-4-5 partite sono stato di livello competitivo basso. Ma in questo momento abbiamo bisogno di giocare. C’è qualche giocatore che dobbiamo controllare molto bene da un punto di vista degli infortuni o di problemi, ma ce ne sono altri che hanno bisogno di giocare, di accumulare minuti di gioco. Non è il momento di fare tanti cambi”.

Che ruolo ha Diawara nella sua Roma? E vuole commentare l’episodio che lo ha riguardato fuori Trigoria?

“L’episodio è niente, non è stata un’aggressione fisica. Sono state parole che hanno determinato una piccola reazione. Non è un dramma, non c’è niente di speciale. Sul ruolo, lui è un giocatore della nostra rosa. Come voi sapete c’è un gruppo che era grande, adesso è più piccolo, di giocatori che non lavora con noi e che lavora a parte, mentre Diawara è un giocatore della nostra rosa».

«Il mercato è aperto fino al 31 agosto, può succedere qualcosa, ma può succedere che Diawara resti con noi. È un’opzione, è un giocatore con qualità, esperienza, un uomo buono, un professionista con qualità. Abbiamo un rapporto carino, un ragazzo fantastico, non sarà mai un problema per noi. Per questa ragione con Diawara siamo tranquilli. Non è un problema”.

Trova giusto che in Conference League non ci sia la Var?

“Ho detto già nella prima partita, ci dobbiamo adattare un po’ a questa cosa. Continuo a pensare che il gol del Trabzonspor magari è in fuorigioco, però ci dobbiamo adattare. Come minimo domani avremo goal line tecnology. che non abbiamo avuto in Turchia. È già un miglioramento. Capisco la difficoltà a livello UEFA, è una competizione nuova, una competizione che in fase di playoff e gironi di paesi dove gli stadi non hanno stadi con condizioni tecnologiche per avere VAR».

«Si deve accettare come competizione che deve crescere. E fare crescere tanti paesi che saranno in questa competizione per la prima volta. Non siamo stati fortunati con il sorteggio, ma ci sono tanti avversari di tanti paesi dove si deve accettare che è un po’ difficile. Vediamo se arriviamo in finale, dove ci sarà il var…”.

Ha parlato di empatia con il pubblico. Dieci anni fa l’empatia vincente arrivò creando un fortino contro un ipotetico nemico e la squadra si fomentava insieme alla gente, così da arrivare al famoso “rumore dei nemici”. Anche a Roma sarà costretto a questo tipo di cosa o c’è una nuova versione di Mourinho?

“La nuova versione che il nemico è il Trabzonspor. E a partire da venerdì il nemico sarà la Salernitana. Non siamo in condizione di fare questo, di porci un obiettivo, di dire questi saranno i nostri due o tre nemici. Non siamo in condizione di fare questo. Siamo una squadra in crescita, che si deve sviluppare tanto nel tempo. Vogliamo cercare di vincere ogni partita e il focus sarà sempre rivolto sulla prossima partita. Domani la Conference League sarà più importante della Serie A. Non penso a tanti cambi, non penso al turnover. Per noi domani è la partita”.

Publicado en Sin clasificar | Etiquetado | Deja un comentario

MILAN, COMUNICATO UFFICIALE: PIETRO PELLEGRI

maglie calcio Milan poco prezzo è lieto di annunciare di aver acquisito, a titolo temporaneo con opzione per l’acquisizione definitiva che diventa obbligo al verificarsi di determinate condizioni, il diritto alle prestazioni sportive dell’attaccante Pietro Pellegri da AS Monaco FC.

Il calciatore indosserà la maglia numero 64.

Nato a Genova il 17 marzo 2001, il giovane attaccante esordisce in Serie A il 22 dicembre 2016, all’età di 15 anni, in occasione della partita Torino-Genoa.

Pellegri colleziona 33 presenze tra Serie A (nove), Coppa Italia (una), Ligue 1 (22) e Coppa di Francia (una), segnando complessivamente cinque reti (tre in Serie A e due in Ligue 1).

Publicado en Sin clasificar | Etiquetado | Deja un comentario

HERNANI E’ UN GIOCATORE DEL GENOA

Hernani Azevedo Junior è un nuovo giocatore del Genoa. Il centrocampista, nato a São Gonçalo do Sapucaí, in Brasile, il 27 marzo 1994, arriva in rossoblù in prestito con obbligo di riscatto dal Parma Calcio 1913. Nell’ultimo anno in Serie A TIM ha segnato 7 gol e fornito 3 assist vincenti. In carriera, tra le altre, ha indossato le maglie di Parma, Zenit San Pietroburgo, Saint-Etienne e Atletico Paranaense. Con il club russo Hernani ha vinto la Prem’er-Liga nella stagione 2018/19. Vanta inoltre 14 presenze con il Brasile U17, con cui si è laureato campione del Sud America nel 2011.

Publicado en Sin clasificar | Etiquetado | Deja un comentario

L’INTER VINCE 2-0 A PARMA, DECIDONO BROZOVIC E VECINO

Il conto alla rovescia è ormai lanciato. Sabato 21 agosto è vicino: sarà Inter-Genoa, San Siro, campionato. E allora bisogna correre incontro a questo appuntamento, continuare a mettere benzina nelle gambe, affinare gli schemi, riabbracciare giocatori che hanno avuto una lunga e impegnativa estate con le rispettive nazionali. Eccoli qui, a Parma: Lautaro Martinez, Nicolò Barella e Alessandro Bastoni, tutti e tre in campo per la prima volta in questo pre-campionato, tutti e tre titolari in un Parma-Inter che è finito 2-0 per i nerazzurri e che ha dato tante indicazioni a mister Inzaghi. Match deciso dai gol nella ripresa di Brozovic e Vecino. Ma sul taccuino c’è solo Inter, tanta Inter. Il palo di Barella, le scorribande di Perisic, Lautaro e Satriano. Insomma, qualità.

Un 3-5-2 che vede ricomporsi la retroguardia classica dei campioni d’Italia, con Bastoni assieme a de Vrij e Skriniar. A centrocampo riecco anche Perisic, esterno a sinistra in una linea che vede Barella e Brozovic con Sensi e Darmian. Davanti con Lautaro c’è Satriano. Out Calhanoglu, precauzionalmente risparmiato a causa di un lieve affaticamento muscolare accusato dopo la rifinitura mattutina.

È un’Inter sul pezzo, fin dall’inizio: nella bella serata estiva di Parma i nerazzurri vestono per la prima volta la divisa Away. Il biscione interista si snoda sul campo del Tardini e avvolge la difesa del Parma, incapace di assorbire le scorribande a sinistra di Perisic, il più attivo nel primo tempo. Inter che manovra, trova buone intese tra Sensi e il croato ma anche cambi di gioco che disorientano la retroguardia di Maresca. Dietro i nerazzurri non concedono nulla, con Bastoni e Skriniar attenti nelle chiusure nei momenti decisivi.

Satriano e Lautaro lavorano con profondità su ogni pallone: lotta spalle alla porta e scarichi importanti per gli inserimenti dei compagni. Al festival del tiro deviato in corner si iscrivono Perisic, Barella e lo stesso Lautaro, murato sul destro a colpo sicuro al 38′. Sono tante le occasioni nel primo tempo per i nerazzurri, con Colombi bravissimo a sventare il gol sui colpi di testa di Satriano e soprattutto di Skriniar, che al 44′ aveva fatto gridare al gol dopo un grande stacco sugli sviluppi di calcio d’angolo. Il Parma affida le sue chance alle ripartenze sulla destra di Man, ma la consistenza della squadra nerazzurra nega qualsiasi occasione di pericolosità.

Nessun cambio a inizio ripresa, e nessun cambio di spartito: l’Inter spinge e mette in costante difficoltà il Parma. La fascia sinistra è sempre fonte di ispirazione per le manovre nerazzurre. Da lì sgorga l’occasione al 55′ con Barella che colpisce un clamoroso palo dopo una bellissima rifinitura di Perisic. Questione di minuti per il vantaggio, che arriva al 59′: Satriano innesca Lautaro, dribbling e conclusione del Toro murata. Poi Lautaro, con freddezza, attende l’arrivo di Brozovic: servizio al bacio e destro imparabile del croato, per il vantaggio nerazzurro.

Inter avanti e per niente intenzionata a rallentare. Satriano e Barella mettono subito i brividi a Colombi con una doppia occasione, poi il portiere del Parma deve arrendersi una seconda volta, al minuto 69′. Pennellata, sempre da sinistra, del neoentrato Dimarco e inserimento vincente di testa di Vecino, anch’egli in campo da pochi minuti.

La verve offensiva dell’Inter non si esaurisce: Satriano, vivacissimo, impegna Colombi. Lautaro è ispirato. Uno dei sussulti del Parma arriva con un gran sinistro di Franco Vazquez, fuori di poco. Nel finale c’è spazio per un’occasione per Salcedo e per un fondamentale salvataggio di Dimarco in ripiegamento.

Publicado en Sin clasificar | Etiquetado | Deja un comentario

MILAN: PAREGGIO 0-0 A KLAGENFURT CONTRO IL REAL MADRID

Nella quinta amichevole di questo precampionato, contro un avversario di lusso come il Maglie da calcio Real Madrid, i rossoneri ottengono buone indicazioni verso l’inizio imminente della stagione. 0-0 il risultato finale, a suo modo bugiardo per le tante opportunità da gol viste in campo, specialmente nel primo tempo. Confortante l’inizio rossonero, in grado di mettere in difficoltà la retroguardia spagnola più e più volte, specialmente con gli affondi a sinistra di Leão. Apprezzabile la compattezza difensiva nel momento di maggior spinta dei blancos, culminato con un calcio di rigore di Bale respinto da un grande intervento a terra di Maignan. Ritmi più compassati nella seconda parte del match, complici anche gli svariati cambi effettuati da Pioli e Ancelotti. Finisce dunque in parità, con tante buone indicazioni da portare sul volo di ritorno. Ora i rossoneri sono attesi da una settimana di lavoro a Milanello, che porterà all’ultimo test stagionale, previsto sabato a Trieste contro il Panathinaikos.

LA CRONACA

Dopo due minuti Leão prova l’incursione in area, ben servito da Saelemaekers, ma al momento del tiro viene fermato. Passano pochi istanti e la grande chance capita sul mancino di Theo, che sorprende Courtois calciando di prima intenzione ma colpendo il palo. La partita si accende subito e su entrambi i fronti ogni azione è potenzialmente pericolosa: accade nuovamente all’11’, quando un’ottima costruzione corale finisce sul destro di Leão, che a giro non trova la porta. Di nuovo noi, di nuovo da sinistra: Rafa crossa per Brahim, anticipato all’ultimo da Marcelo al 16′. Il Real conclude per la prima volta al 27′, con Isco, senza impensierire Maignan. Un minuto più tardi lo stesso Isco si rende pericoloso con una girata in area che lambisce il palo. Ancora i Blancos al 32′: sinistro di Alaba, ottima risposta di Maignan. Ci prova anche Bale, sempre da fuori, e anche in questo caso Maignan deve metterci la mano per deviare in corner, così come pochi istanti dopo su Rodrygo. Dopo un’ottima chiusura di Courtois in uscita su Krunić, il Real in ripartenza si conquista un rigore per fallo di Calabria su Bale: Maignan para!

Gli spagnoli iniziano meglio la ripresa e colpiscono una traversa con il gran destro dal limite di Modrić. Il Milan si rivede in avanti con un colpo di testa di Rebić, alto, e un sinistro a giro di Brahim, deviato in corner da Lunin con un pregevole intervento. Tanti cambi e meno emozioni rispetto alla prima frazione di gioco, il Milan ci prova fino alla fine, sfruttando soprattutto sulla catena di sinistra, ma il risultato non cambia: 0-0 a Klagenfurt.

Publicado en Sin clasificar | Etiquetado | Deja un comentario

LA ROMA ANNUNCIA ELDOR SHOMURODOV

Il Club giallorosso rende noto di aver acquistato a titolo definitivo i diritti sportivi dell’attaccante dal Genoa Cricket and FC SpA, a fronte di un corrispettivo fisso pari a 17,5 milioni di euro.

L’accordo prevede il riconoscimento di bonus variabili, oltre al riconoscimento di una percentuale sull’eventuale eccedenza in caso di futura cessione a titolo definitivo del Calciatore.

Con Shomurodov è stato sottoscritto un contratto fino al 30 giugno 2026.

“La Roma rappresenta un enorme passo in avanti nella mia carriera: farò di tutto per dimostrare di meritare questa maglia e affermarmi in uno dei club più importanti al mondo. La velocità con cui si è conclusa la trattativa testimonia il mio desiderio di mettermi subito a disposizione del mister e dei compagni”, ha dichiarato il giocatore nella sua prima intervista in giallorosso.

Publicado en Sin clasificar | Etiquetado | Deja un comentario

HELLAS VERONA: ANNULLATA AMICHEVOLE CON LA SPAL

Verona – Hellas Verona FC comunica che, per sopraggiunti e non preventivabili impedimenti di carattere organizzativo, è stata annullata la programmata amichevole con la SPAL, che avrebbe dovuto avere luogo venerdì 6 agosto (ore 19.30) allo stadio ‘Mazza’ di Ferrara.

Hellas Verona FC ringrazia SPAL per comprensione e disponibilità.

Publicado en Sin clasificar | Etiquetado , | Deja un comentario

FIORENTINA: IL 7 AGOSTO AMICHEVOLE CON L’ESPANYOL

Maglie da calcio Fiorentina comunica che prenderà parte all’evento benefico denominato “UNBEATABLES CUP“, un Torneo internazionale che, nella sua prima edizione, vedrà coinvolte queste 4 squadre :

FIORENTINA – ESPANYOL – BETIS SEVILLA – AS ROMA

L´UNBEATABLES CUP prende il nome dall’ Associazione UNBEATABLES   www.unbeatables.it ,che da anni sostiene la ricerca sulle cardiomiopatie e sulla morte improvvisa, aiutando altresì gli atleti affetti, ad affrontare la loro situazione.

Clicca QUI per maggiori informazioni.

Publicado en Sin clasificar | Etiquetado | Deja un comentario